«Indietro

 

DISTURBO? I COLORI DELLA SALUTE MENTALE IN CITTÀ

Mer, 23/09/2015
Ascolta la trasmissione dedicata da Radio Onde Furlane

Salute mentale, parole e colori
, dal 5 al 10 ottobre la Cooperativa sociale Itaca porta a Udine i colori della salute mentale. Arte, poesia, teatro, fotografia, musica e giornalismo in occasione della Giornata mondiale della salute mentale.

Ampio il partenariato che vede in prima fila Comune di Udine, Aas n.4 Friuli centrale, Dsm di Udine, Comunità Nove, Ordine dei giornalisti del Fvg, CipArt – Gruppo di arte economica, Circolo Arci Hybrida, Qudu Edizioni, associazione culturale Porto dei Benandanti di Portogruaro, Progetto Giovani del Comune di Pozzuolo del Friuli, studenti degli istituti superiori di Udine, Librerie di Udine, Arci e gruppo teatrale Arci - Ccft.

Le parole sono importanti, creano i presupposti per far conoscere chi vive l’esperienza della sofferenza mentale come “persona”, e non come paziente. E poter dialogare con la comunità tutte le volte che se ne sente il bisogno è vitale. Perché io sono io, non la mia malattia. Anche i colori sono importanti. Sono quelli delle emozioni, della vita, delle cose belle che avvengono. Perché ci sono persone che guariscono, ricominciano a vivere, che ridono, lavorano e studiano. E succedono cose che magari non ti aspetti, e non si vedono sulle pagine dei giornali o in tv. Accadono e basta, in punta di piedi, e ci stupiscono e meravigliano. Colori che non si vedono bene da lontano, ma vanno osservati con pazienza, fino a scoprire che “da vicino nessuno è normale!”.

La storia della sofferenza mentale è stata, fino agli anni ‘70, associata a quella degli esclusi, degli emarginati, rifiutati, negati. Fu proprio nei primi anni Settanta che la richiesta di riaffermazione di diritti insoddisfatti - che sfociò poi nel 1978 a livello normativo nella Legge 180 – diede origine alla Cooperazione sociale. Grazie all’opera dello psichiatra veneziano Franco Basaglia e al grande fermento culturale e sociale di quegli anni, la Legge 180 (nota anche come “Legge Basaglia”) chiuse i manicomi-lager che per decenni avevano segregato non solo persone con sofferenza mentale, ma anche persone disabili e “devianti sociali”. Ed è partendo dalla Legge 180 che la Cooperativa Itaca vuole ribadire la centralità dell’individuo inteso come persona e dei suoi diritti, princìpi sanciti dalla Costituzione.
 
Info e contatti: 0432 233277 Cooperativa sociale Itaca.